Translate in your language

mercoledì 27 maggio 2009

John Dee

John Dee è stata una delle figure storiche che più mi ha colpito nel mondo dell'esoterismo insieme anche ad Edward Kelley del quale parleremo nei post che verranno. Dee (1527-1608) era un matematico, fisico, astronomo e grande cultore dell'esoterismo che divenne famoso grazie alla regina Elisabetta I della quale fu mentore e consigliere di corte soprattutto nelle arti magiche.

Lovecraft che come abbiamo visto scrisse il Necronomicon attribuisce la sua opera in realtà a Dee coronandolo come il padre che tradusse il libro nero dei morti. Si dice che lo stesso John Dee conducesse misteriosi ed arcani esperimenti esoterici e che fosse stato in grado di creare la leggendaria Mano della Gloria un terribile strumento realizzato con la mano di un morto con la quale riusciva a paralizzare all'istante qualsiasi persona l'avesse vista in quel determinato momento.

Ma John Dee fu molto di più perchè come abbiamo visto nel precedente post egli in una visione vide le cosidette 21 lettere Divine dell'alfabeto Enochiano le stesse che Enoch nella sua visione celestiale aveva scoperto ma che nessuno mai prima di Dee aveva mostrato all'umanità come un vero e proprio linguaggio.
Si dice anche che John Dee abbia usato questo linguaggio potente per entrare in comunicazione con esseri superiori fatti di luce i quali gli avrebbe rivelarono un grande sapere che Dee non condivise mai con nessuno o forse solo con Edward Kelley.

Ma chi era veramente Jhon Dee?

Dee era anche uno studioso delle scienze ed aveva inventato all'epoca numerosi strumenti per la lettura delle stelle e della navigazione ma anche dei rudimentali ma funzionanti "robot" meccanici!
Immaginate che John Dee visse a cavallo tra il 1500 e inizi del 1600 pertanto per le sue invenzioni stravaganti e per le sue letture venne inquisito come necromante dalla Chiesa e perseguitato per numerossimo tempo anche se, grazie alle sue potenti conoscenze politiche, riuscì a salvarsi più e più volte.

Ma cosa aveva scoperto John Dee? Ma soprattutto Kelley e lui cosa videro di così spaventoso nei loro esperimenti esoterici?

Si dice che quando John Dee incontrò Kelley iniziarono numerosi guai per lo scienziato in quanto i loro esperimenti paranormali erano pericolosi ed utilizzavano testi e linguaggi molto potenti tanto che alcuni ignoti, sapendo dei loro rituali, trafugarono nelle loro abitazioni per depredarli di alcuni manoscritti giudicati al tempo eretici.

Quale segreti Dee portò nella sua tomba nessuno lo può sapere tuttavia di una cosa siamo sicuri ovvero che Dee era un esploratore del mondo paranormale il quale insieme a Kelley decise di sperimentare nuove tecniche a noi sconosciute e di approfondire in qualche modo il mondo arcano...

-Shindai-
Posta un commento